You are currently viewing Ricotta forte: cos’è e come abbinarla

Ricotta forte: cos’è e come abbinarla

  • Categoria dell'articolo:Ricette

La ricotta forte è un morbido e fresco formaggio pugliese, prodotto principalmente nel Salento. Nota anche con il termine di “ricotta scant” è un ingrediente che non manca mai sulla tavola di tutti i golosi e gli amanti dei sapori decisi e forti. Essa, grazie alla sua morbidezza ed al suo sapore piccantino, dona un sapore unico ad ogni portata: può essere infatti utilizzata per preparare aperitivi, antipasti, ma anche ottimi primi piatti per un pranzo o una cena super gustosi.

La ricotta forte è un prodotto agroalimentare tipico che vale la pena assaggiare almeno una volta nella propria vita, con la consapevolezza che si potrebbe correre il rischio di innamorarsene perdutamente! Quest’ottimo formaggio, solitamente prodotto da ottobre a maggio, è utilizzato per guarnire panzerotti e piatti di pasta, ma non solo! Essa viene utilizzata anche per donare un tocco più strong a panini, sandwich e baguette dai gusti semplici ed essenziali.

Ricotta forte: il tocco di seduzione giusto per rivoluzionare ogni ricetta

La cucina è seduzione: ogni ingrediente che compone questo magico mondo concorre, con le sue particolari caratteristiche e sapori, a rendere ogni ricetta unica ed amata da chiunque! La ricotta scanta è la regina dei formaggi in Puglia: essa differisce dagli altri latticini per via del suo sapore, appunto “forte”, ottenuto da un processo produttivo semplice, basato sulla fermentazione del siero del latte che è stato precedentemente separato dalla parte liquida quest’ ultima viene lasciata fermentare per diversi mesi prima di essere consumata, donando a questo formaggio un sapore davvero inconfondiible! La ricotta viene solitamente lasciata stagionare per circa 30 giorni in un ambiente umido con una temperatira di circa 8-9 gradi. E’ interessante il fatto che questo processo può anche essere ripetuto a casa, partendo da una ricotta vaccina e conservandola poi in un ambiente umido. Il risultato ottenuto sarà completamente uguale alla ricotta forte prodotta dai comuni caseifici della zona salentina, con la differenza che sarà stata realizzata unicamente dalle nostre mani!

Quali sono gli abbinamenti culinari perfetti da realizzare con la ” ricotta scanta”?

Il sapore leggermente acidulo e forte di questo formaggio pugliese dal color giallo paglierino si abbina perfettamente ad alcuni dei primi piatti più buoni della cucina salentina. La ricotta forte ha la sua forza, come abbiamo già detto in precedenza, nel suo gusto così deciso ed inconfondibile: gusto che viene solitamente utilizzato per donare un tocco speciale a piatti semplici come cavatelli ed orecchiette, rigorosamente fatti in casa dalle mani esperte delle massaie salentine, e conditi come da tradizione con tanto sugo di pomodoro e basilico fresco. Solitamente la ricotta forte può essere unita al sugo di pomodoro, ma si preferisce dare una grattugiata di ricotta forte sulla pasta, per gustare ed amalgare ancor di più questo mix meraviglioso di sapori tipici.

La ricotta forte è ormai un ingrediente principale anche dello street food pugliese: è possibile utilizzarla per farcire panzerotti o gustarla da sola su una fetta croccante di pane casereccio, accompagnata da qualche filetto di acciuga ed altri ingredienti come pomodori secchi ed olio rigorosamente extravergine d’oliva per realizzare ottimi aperitivi all’insegna dei sapori tradizionali pugliesi.

Gli amanti dei sapori forti e particolari non riusciranno a resistere al fascino della ricotta forte, un alimento proteico e completo, ottimo per la salute ed in grado di apportare tanti benefici al nostro organismo, ma soprattutto capace di deliziare il nostro palato con piatti golosi e davvero anticonformisti che entreranno nella nostra dieta e difficilmente verranno sostituiti…d’altronde diciamoci la verità..quando una cosa ci piace, non vorremmo mai rinunciare ad essa! Ecco perchè la ricotta forte, diverrà la nostra nuova dipendenza da tavola! Provare per credere!

 

 

 

Lascia un commento