You are currently viewing Pomodoro secco: preparazione e utilizzi

Pomodoro secco: preparazione e utilizzi

  • Categoria dell'articolo:Ricette

Pomodoro secco: preparazione e utilizzi

Dal profumo intenso ed inconfondibile il pomodoro secco, molto spesso sott’olio, è uno di quegli ingredienti che vale la pena aggiungere ad ogni piatto per renderlo unico, gustoso ed interessante!  Si tratta di un prodotto tipico del Sud Italia, ed in particolare di Calabria e Puglia, ma ha un grande successo, grazie alla sua squisitezza, anche nel resto d’Italia! Ottimo per realizzare antipasti e piatti leggeri o da gustare da solo su croccanti bruschette o per dare quel tocco di sapore in più ad insalate e paste fredde…il pomodoro secco conferisce ad ogni piatto bontà e delizia!

A volte la voglia di pomodori secchi ci assale all’improvviso ed è proprio in quel momento che dovremmo conoscere la ricetta per realizzarli… a memoria!!! Qui di seguito daremo un’occhiata agli step necessari per realizzare i nostri vasetti di pomodori secchi a casa, da soli e con un’estrema facilità nella preparazione!

Preparate dunque i vasetti ed armatevi degli ingredienti necessari per realizzare scorte di pomodori secchi per tutto l’anno!

Preparazione pomodori secchi sott’olio

Per preparare i pomodori secchi sott’olio bastano davvero pochi ingredienti: Pomodori San Marzano, olio extravergine d’oliva, sale e zucchero quanto basta. La preparazione tradizionale dei pomodori secchi prevede l’essicazione diretta ai raggi del sole dei pomodori, ma in ogni caso è possibile utilizzare il forno della vostra cucina. Dopo aver lavato e tagliato i pomodori a metà nel senso della lunghezza, ricoprire una teglia con carta da forno e cospargere i pomodori con un pò di sale, zucchero e un filo d’olio. Lasciare i pomodori nel forno a 120 gradi per 8-10 ore. Controllare di tanto in tanto e togliere dal forno quelli che si seccheranno prima degli altri. Una volta terminato il processo di cottura, nel mentre i pomodori si raffreddano è necessario procedere con la sanificazione dei barattoli e dei tappi. Successivamente invasare i pomodori secchi sistemandoli a strati, aggiungendo un pò di olio extravergine d’oliva ed esercitare una leggera pressione. Per aggiungere una nota aromatica in più si consiglia di aggiungere qualche fogliolina di menta o basilico. Proseguire con gli strati e infine ricoprire completamente d’olio, avendo cura di lasciare 2 centimetri di spazio dal bordo del barattolo. Dopo aver chiuso i barattoli con l’aiuto di un pressello , si passa alla bollitura dei vasetti ed una volta raffreddati è necessario verificare che sia avvenuto il sottovuoto: basta premere al centro del tappo e se non sentirete il tipico “click clack”, il sottovuoto è avvenuto.

I pomodori secchi in barattolo si conservano per circa 3 mesi, purchè il sottovuoto sia avvenuto correttamente. Si consiglia di attendere almeno una settimana prima di consumare i pomodori. Ogni volta aperto ogni barattolo, conservare in frigorifero e consumare nel giro di 3-4 gg, avendo cura di aggiungere  olio per mantenere i pomodori sempre coperti.

Gli innumerevoli usi del pomodoro secco in cucina

I pomodori secchi si prestano ad un innumerevoli quantità di ricette e usi. Possono essere utilizzati come condimento di piatti semplici e genuini come la caprese o utilizzati come condimento all’interno di insalate e ricette a base di pasta o riso: essi sono perfetti per dare colore ed un sapore deciso ad ogni piatto. Con i pomodori secchi sott’olio è possibile anche creare brunch gustosi come muffin salati e bruschette o pomodori secchi ripieni farciti con melanzane, capperi, formaggio ed erbe aromatiche varie, ideali da gustare come merenda. Come abbiamo già detto, il pomodoro secco si rivela essere un ingrediente imprescindibile nella cucina di ogni buon cuoco e sulla tavola di ogni buona forchetta per donare quel tocco di tradizione in più, in grado di trasformare in men che non si dica piatti semplicissimi in piatti eleganti e raffinati!

 

 

Lascia un commento